L’autunno e il menù, così come l’abbiamo pensato
·
5 ottobre 2018

L’autunno e il menù, così come l’abbiamo pensato

L’autunno in poche parole: i colori, il profumo dei boschi, il sapore dei funghi, le zucche, l’orto e le zuppe calde. La terra nel campo si prepara per accogliere l’orto d’inverno, il sole è languido, le giornate vivono di una luce timida.

Il nostro menu d’autunno nasce pensando a una tavola imbandita che non tiene conto del prima e del dopo; voglilamo un eterno desinare, senza categorie predefinite, solo gusti che si rincorrono.

Qui di seguito alcuni piatti d’esempio per prepararti alla stagione e al nostro mood.

 

I fermini e i rinforzini

Il rinforzino e il fermino sono espressioni gergali. Rappresentano per noi

le pietanze gustose, buone e curiose che mangi volentieri, perché sono porzioni contenute, rappresentano una delizia, uno sfizio, un po’ come togliersi una voglia quando ancora senti che il pasto non è concluso, quando vuoi un aperitivo eclettico o un pasto più corposo.

La patata…Monnalisa, nella sua versione jacket potato con salsa a sorpresa è un buon esempio di fermino/rinforzino, con un cocktail di stagione.

 

Le creme

Le nostre creme son di verdura fresca, accompagnate dal pane e hanno tutte un elemento in comune: la composizione di un paesaggio, di un orto, di un fazzoletto di terra colorato dai frutti…come una passeggiata nei campi, un giretto nel bosco, una gita al mare, un momento caldo di conforto.

 

Le minestre 

Dalla tradizione, nel tempo al campo di casa, la stagione e l’orto.

Conosci il salame matto?

L’impasto del passatello, con brodo di pollo; il piatto delle domeniche d’inverno dei nostri nonni.

 

Il Ramen adriatico

Il Ramen riminese saranno i racconti liquidi dell’inverno.

Il mare, l’orto e la terra.

 

Il tagliere dei formaggi…una cosa seria

Una tavolozza di autori, tutti artigiani, un vai e vieni in giro per pascoli, malghe, grotte. Profumo di latte. Mucca e pecora. Il tutto accompagnato con la composta fatta in casa.

 

I dolci tradizionali, la rivisitazione della frutta e il ricordo del bustrengo.